Chi è che si collega da Mountain Views (USA) per leggere le nostre avventure in Cile? Mah. Perché non si appalesa?

[csf ::: 04:01] [4 commenti]

Sulle rapide, sereni

Déjeuner sur le glacier

Ed è subito plankng

Avrei dovuto capirlo subito, quando mi hanno detto di indossare il casco. Come? Il casco per un trekking? Ho cominciato ad avere qualche sospetto quando mi hanno fatto firmare la liberatoria. Come? La liberatoria per una gita sul fiume in battello? Il battello si chiamava Patagonia Jet e andava ad un casino di chilometri all’ora. Ma dove andava?

Leggi tutto »

[csf ::: 03:48] [Commenta]

Sulla carretera austral

Davanti ai moai

FACENDO LE CORNA

Al ghiacciaio Exploradores

La nostra attività principale ormai è il planking. Che cosa è il planking? Ma allora volete farvi del male. Planking

Al tropico del capricorno

Sulla valle dell’arcoiris

All’isla negra

Sul ponte del general Carrera

 

significa “imitare un tavolato in legno”. Chiaro no? Secondo Wikipedia è una fotografia realizzata stendendosi per terra, con la faccia in giù, cioè proni, in una località strana o improbabile. Entrambe le mani debbono toccare i fianchi. E la foto deve essere pubblicata su Internet. Diciamolo: una stronzata.

Leggi tutto »

[csf ::: 00:54] [Un commento]

Quattro disperati su una macchina che ne dovrebbe contenere uno di meno e che sono giunti al limite della sopportabilità umana dopo venti giorni di Cile e quattro di Carretera Austral. Boschi boschi e boschi di lengua e di coigue che almeno sapessi che cosa sono. Ogni tanto un ghiacciaietto da lontano. Tante lagunas, tanti fiumi e non so quanti fiordi. Bello eh? Per carità, tutto bello. Ma ormai Floriana, giunta quasi alla follia (partiva già molto avvantaggiata) fotografa cartelli stradali e cespugli di rosa canina. Ezio piscia ogni cinque minuti e non si sa che cosa.

Leggi tutto »

[csf ::: 04:08] [Commenta]

La Carretera Austral è la Carretera Austral. Così come Sanremo è Sanremo. Non si discute. Questa versione sudamericana della Salerno Reggio Calabria procede imperterrita chilometro su chilometro e macina pueblos e ciudad come fosse niente. Siamo verso la Fine del Mondo, come ci ricordano continuamente i cartelloni che pubblicizzano il “Chile Mejor”, 6 per 9, come quelli di Berlusconi. Prima o poi arriveremo a Caleta Tortel, niente a che vedere con Rana e con l’Emilia. Non ridete: abbiamo scoperto una città, Capitan Pastene, dove sono tutti italiani o eredi di quei cittadini emiliani (diciannove famiglie) che importarono in Araucaria piadine, pasta e tortellini.

Leggi tutto »

[csf ::: 00:46] [Commenta]

Siamo sulla Carretera Austral, una delle quattro strade più belle del mondo. Ma questa è una cosa idiota. Ognuno dice quello che vuole e forse la Carretera Austral è la più bella del mondo e forse non è nelle prime cento. Io ho cominciato da Ciaitèn e finora direi che è una bella strada, una specie di Salerno Reggio Calabria in perenne costruzione, piena di Caterpillar, di trattori, di operai che trasportano terra e spargono asfalto. Corre quasi sempre, finora, sui bordi di laghi e fiordi. E ogni tanto ci si deve fermare per i lavori in corso.

Leggi tutto »

[csf ::: 04:12] [Un commento]

Chi è che si collega da Mountain Views?

[csf ::: 03:56] [Commenta]

Padre Pio

Chiloè è senza dubbio un’isola, ma non avete idea. Non è una isola come la Sicilia, che è una regione. 

Chiesa

Chiesa

Chiesa

Chiesa

Chiesa

E non è nemmeno una isola Come Salina, che è piccola. E’ una isola come in Italia non ce ne sono. Molto ma molto più grande dell’Elba tanto per dare una idea. E’ piena di paesi, ha una capitale, un sacco di case e di strade e di ponti e di traghetti, perché è anche un arcipelago, un pezzo di terraferma e anche tante penisole. A Chiloè, ad un certo punto mi è sembrato di stare in Italia perché ho visto un grande pilone in mezzo ad una canale e due grandi piloni uno da una parte e uno dall’altro. Il ponte sullo stretto di Chiloè. Così, incompiuto, perché la ditta è fallita. Non vi ricorda qualcosa?

Leggi tutto »

[csf ::: 03:37] [Un commento]

E anche Chiloè ce la siamo messa alle spalle. A Chiloè avvengono alcune cose molto importanti. Finisce il viaggio per due del nostro gruppo che debbono tornare in Italia. Annalia e Barbara. Lo sapevamo fin dall’inizio. Ed infatti siccome siamo un gruppo di cinici e di perfidi, le avevamo soprannominate “le poveracce” insinuando che la loro scelta fosse dettata dalla tirchieria. Annalia e Barbara se ne vanno dopo una cena luculliana al Club Nautico di Puerto Montt dove finalmente mangiamo bene: secondo me è la prima volta che succede da quando siamo in Cile.

CENTOLLAS

Leggi tutto »

[csf ::: 23:54] [Commenta]

Cartello in una chiesa di Chiloe

[csf ::: 21:24] [Commenta]