“Dal nostro inviato speciale Pinco Pallino. Il viaggio è stato pagato dalla casa farmaceutica Tal dei Tali”. E’ quello che ha proposto Enrico Mentana quando ha scoperto che molti giornalisti scientifici stavano partendo per il congresso mondiale sull’Aids col viaggio pagato dalle case farmaceutiche. Mica male come idea. Pensate che cosa potrebbe succedere se si diffondesse questo sistema. Sotto la firma di ogni inviato, la scritta, una vera e propria sponsorizzazione, “Il viaggio di Enzo Biagi è stato pagato da Grappeggia Arredatutto”, oppure “Ringraziamo Salvavita Beghelli che ha pagato l’albergo del dottor Bocca”.

Leggi tutto »

[csf ::: 18:38] [Commenta]
Share

“Signor giudice, se può dire a questo signore che adopera l’educazione!”. Giovanni Brusca, il mafioso che strangolò e dissolse nell’acido un bambino, era proprio seccato con il mafioso pentito Santino Di Matteo, padre del bambino, che lo insultava in un’aula del tribunale. Tutte le volte che il giudice nominava Brusca, Di Matteo aggiungeva: “Chi? Giovanni l’animale?” E Giovanni, lo strangolatore di bambini, si è adontato.
Sapete come sono i mafiosi: si seccano a sentirsi dare della bestia.

Leggi tutto »

[csf ::: 20:30] [Commenta]
Share

Xavier Echevarria, capo dell’Opus Dei, a Catania, dice che, siccome risulta che il 90 per cento dei genitori di figli handicappati ha avuto rapporti prematrimoniali, i rapporti prematrimoniali sono la causa dell’handicap dei figli.
La dichiarazione di Echevarria è del tutto priva di fondamento scientifico sia dal punto di vista biologico che, soprattutto, da quello statistico. E per fortuna, bombardati come siamo da milioni di informazioni, anche questa terrorizzante sentenza è subito passata nel dimenticatoio, sommersa dai sassi dei cavalcavia, dai profughi albanesi e dagli imbrogli dei quizzaroli.

Leggi tutto »

[csf ::: 21:02] [Commenta]
Share

“Io godo di ottima salute”, dichiara Giorgio Forattini, ex grande della satira italiana per dimostrare che la satira italiana – appunto – non è in crisi. E che Giorgio Forattini stia benissimo non può che riempirci di gioia.

La satira italiana è un fenomeno carsico, ogni tanto scompare e all’improvviso ricompare impetuosa. Ma anche le polemiche sullo stato di salute della satira italiana sono un fenomeno carsico. Quando meno te lo aspetti esplodono e dilagano sui giornali. Poi non se ne parla più per mesi. Poi eccole di nuovo. La satira deve essere per forza di sinistra? E adesso che la sinistra è al governo, si può fare ancora satira? Perché non esiste la satira di destra? La satira deve colpire tutti oppure solo il potere?

Leggi tutto »

[csf ::: 20:20] [Commenta]
Share

Uno, Vittorio Feltri, se ne va in pensione che è ancora un giovanottone di belle speranze, un elegante signore di successo, ricco, intelligente, sempre pronto, per fortuna, a slanci di indignazione moralistica come per esempio quando attacca lo stato sociale e tutti quelli che se ne vanno in pensione con troppi soldi o troppo presto. Lui se ne va in pensione a 53 anni con molti soldi e molto presto e speriamo che quanto prima possiamo leggere un suo editoriale contro se stesso che approfitta di leggi sbagliate per portare a casa tanti bei soldoni. Si difende, è suo diritto, spiegando che per 38 anni ha pagato contributi e adesso vuole monetizzare. E chi glielo vieta? Visto che – fatti i conti – ha cominciato a lavorare a 15 anni, aveva solo due alternative: o denunciare il suo datore di lavoro per sfruttamento del lavoro minorile oppure concedersi il meritato riposto.

Leggi tutto »

[csf ::: 19:25] [Commenta]
Share

La disavventura di Gigi Sabani, presunto porcone che avrebbe usato la sua fama e il suo potere invece che il suo fascino per attirare nel suo letto procaci minorenni ha fatto passare in secondo piano una notizia ben più succulenta se il fatto risulterà vero. Giancarlo Parretti, il sedicente finanziere umbro che tentò con grande abilità e spregiudicatezza la scalata da cameriere a proprietario dell’Mgm, sarebbe stato capace di ben altro.

Leggi tutto »

[csf ::: 21:34] [Commenta]
Share

NON E’ CAMBIATO NIENTE. TANTO VALE RIPUBBLICARE LE COSE VECCHIE.
Extracomunitari, profughi, immigrati clandestini, la società multirazziale. Parliamone. Quando qualcuno mi dice che non esiste più alcuna differenza fra destra e sinistra, che soprattutto non esiste un sistema, come in passato, per distinguere progressisti da conservatori, io chiedo di porre come discriminante il concetto di solidarietà. Che serve – intendiamoci – per stabilire la differenza sostanziale fra destra e sinistra, non certo quella formale tra partiti di destra e partiti di sinistra. Leggiamo per esempio una delle roccaforti della stampa di sinistra, la “Repubblica”.

Leggi tutto »

[csf ::: 23:54] [Commenta]
Share

NON E’ CAMBIATO NIENTE. TANTO VALE RIPUBBLICARE LE COSE VECCHIE.

La vacca pazza. Telenovela. Riassunto delle puntate precedenti. Le mucche della regina Elisabetta da tempo si erano ammalate. Tutti lo sapevano ma nessuno osava parlarne. Sapete com’è. Non si parla mai delle malattie delle signorine. Tutti mangiavano allegramente le fiorentine di Oxford e la carne era andata alle stelle. Poi i giornali cominciarono a parlare dei disturbi mentali delle vacche d’oltre Manica. Panico. Guai a mangiare il filetto. Oneste e sanissime mucchette aostane cominciarono a subire orrende discriminazioni. Polli, sempre polli, fortissimamente polli. E lattuga. E rapanelli. E pesci, palombo, sogliole, trote salmonate. La dieta mediterranea sconvolta. Macellai sul lastrico. Tutti a prendere le distanze dalla vacca pazza. Come se tutti i buoi fossero saggi e sereni. L’antifemminismo sempre in agguato. Come mai quando una donna è un po’ leggera si dice che è una vacca? Ma avete mai visto una vacca di facili costumi? L’avete vista accoppiarsi selvaggiamente con qualsivoglia toro? L’avete vista copulare per vergognoso tornaconto economico? La vacca è morigeratissima, brava mamma ed ottima compagna di vita. Nonostante conduca una vita piuttosto intensa, col doppio lavoro, curare i vitellini e produrre latte, non è più malata del bue, del toro, del vitello e del vitellone. Mentre il toro, si sa, pensa solo a una cosa. Ma quando si fa la pubblicità, ecco il becero maschilismo. Sulla Stampa, inserzione a pagamento: “Il vitello italiano è sano. Non proviene dall’Inghilterra”. Bella scoperta: se il vitello italiano provenisse dall’Inghilterra, sarebbe un vitello inglese. Oppure un vitello italiano ricco, di quelli che vanno spesso a Londra a fare una total immersion o a vedere per la decima volta Gesù Cristo Superstar. E poi: il vitello è sano, la pazza è la vacca. Si sa, le femmine sono isteriche. Alla vacca britannica, Premio Speciale “E’ tutto un complotto: ma il tempo è galantuomo e la verità sarà ristabilita”.

Leggi tutto »

[csf ::: 22:16] [Commenta]
Share

NON E’ CAMBIATO NIENTE. TANTO VALE RIPUBBLICARE LE COSE VECCHIE

Fabio Salamone, il giudice che voleva rinviare a giudizio Antonio Di Pietro, l’eroe nazional-popolare, ha rilasciato la scorsa settimana una fondamentale dichiarazione. Luigi Corvi, giornalista del Corriere della Sera, il giorno della sconfitta di Salamone, gli chiede: “La giustizia èuguale per tutti?” La domanda è originale e frizzante quanto un articolo di Alberoni. Ma sentite la risposta: “In questo momento preferisco non rispondere”. E quando vuole rispondere, mi scusi, Salamone? Il giorno dell’Apocalisse? Alle Calende Greche? Spero solo che l’ottimo Corvi si sia ricordato, da allora, di telefonare ogni giorno al sostituto procuratore di Brescia. “Disturbo dottor Salamone? La giustizia è uguale per tutti? E’ il momento adatto? Gradisce rispondere?” Tutte le mattine. Alle otto. Prima di colazione. A Fabio Salamone, Premio Speciale Glasnost “Non c’è mai risposta che non riesca ad essere più scema della domanda”.

Leggi tutto »

[csf ::: 01:42] [Commenta]
Share

NON E’ CAMBIATO NIENTE. TANTO VALE RIPUBBLICARE LE COSE VECCHIE

Voi forse non vi siete accorti che è successo qualcosa di veramente importante mercoledì sera all’Olimpico. Distratti dal tifo e accecati dalla passione, vi è sfuggito il particolare che ha vinto “una squadra operaia”. Proprio così, operaia. A caldo, Walter Veltroni, vicepresidente del Consiglio, ha trovato la giusta metafora. Operaia, come la classe operaia, come l’ape operaia. Come quegli operai della Fiat che – lenti come sono – ci mettono un mese a guadagnare quello che gli operai della Juve riescono a guadagnare in un minuto. Michele Serra ha invitato i nuovi governanti ad andare il meno possibile in televisione e solo quando hanno qualche cosa da dire. Ma perché? La “squadra operaia” è una gaffe? E chi lo ha detto? Perfino l’Unità, quotidiano assolutamente indipendente dal pensiero veltronian-juventin-agnelliano, titola: “Hanno vinto gli operai bianconeri”.

Leggi tutto »

[csf ::: 20:53] [Commenta]
Share